impianto flange connessioni tubi

In India approvato un piano per incentivare gli investimenti e sviluppare la produzione nell’oil&gas

Il Governo indiano ha approvato un piano, denominato HELP (Hydrocarbon Exploration & Licensing Policy, per incentivare gli investimenti e sviluppare la produzione nel settore oil&gas.

Lo ha annunciato l’agenzia di stampa nazionale, che ha specificato verrà creata un’unica licenza che permetterà alle aziende specializzate in exploration&production di condurre le fasi di esplorazione e quindi produrre “tutte le tipologie di idrocarburi”, dal metano da carbone, al gas e petrolio da scisti, al tight gas, fino agli idrati gassosi.

Una “open acreage policy” consentirà alle aziende la scelta di blocchi tra le aree designate dal Governo. Inoltre verrà adottato un modello finanziario basato sulla condivisione dei ricavi, invece dell’attuale sistema, che si basa sulla divisione del profitto al netto del recupero dei costi. Il Governo riceverà quindi una quota delle entrate lorde derivanti dalla vendita di gas e petrolio. Una decisione che dovrebbe mettere un freno alle numerose dispute derivanti dalla suddivisione dei profitti.

Il Governo ha anche introdotto un sistema di royalties graduali per le aree offshore, con quote di royalties decrescenti dalle acque superficiali, alle profonde, alla ultra-profonde. Restano invariate invece le royalties previste nelle aree onshore.

La commissione per gli affari economici ha anche approvato la possibilità di definire autonomamente i prezzi per il gas naturale proveniente da aree con alte pressioni, alte temperature, acque profonde e ultra-profonde. Sarà stabilito un prezzo massimo sulla base del prezzo allo sbarco dei carburanti alternativi. Le linee guida si applicano alle scoperte future e alle aree esistenti che non avevano ancora avviato la produzione commerciale entro il 1 gennaio