Forte esplosione nella centrale nucleare di Flamanville

 

Le dinamiche dell’esplosione

Poche ore fa, il quotidiano locale «Ouest France» ha riportato la notizia di una forte esplosione ed un incendio avvenuto questa mattina intorno alle ore 8.45 nella centrale nucleare francese di Flamanville, nella Bassa Normandia.

L’esplosione sarebbe avvenuta nel reattore 1, all’interno di una delle sale macchine, a seguito di un guasto ad un ventilatore su un impianto elettrico che ha causato un surriscaldamento sulle guaine.

Nella stessa area, considerata “zona non nucleare”, si è poi sviluppato anche un incendio.

Tuttavia, la prefettura, dopo aver realizzato i dovuti sopralluoghi di sicurezza, ha dichiarato che ci sono vittime, che tutti gli operatori sono rimasti illesi, fatta eccezione per cinque operai che sono rimasti lievemente intossicati dai fumi inalati durante l’incidente e che sono stati portati immediatamente in ospedale.

Allarme rientrato

La compagnia Électricité de France ha fatto sapere che l’allarme è stato cessato.

Secondo quanto dichiarato dai portavoce dell’azienda, l’incendio è sotto controllo e non si è trattato di un “incidente nucleare” bensì di un “evento tecnico significativo”, in quanto verificatosi fuori dalle aree nucleari della centrale. Concludono dicendo che non ci sarebbero nemmeno impatti o contaminazioni ambientali.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i soccorsi e i vigili del fuoco. Comunque, per motivi di precauzione, il reattore è stato temporaneamente spento.

Électricité de France (EDF)

La compagnia Électricité de France (EDF) è la più grande produttrice e distributrice di energia a livello nazionale, la seconda industria elettrica del mondo e primo esportatore di energia europeo.

Fondata nel 1946 da Marcel Paul, è stata un’azienda statale fino al 2004, anno in cui è diventata una società anonima a capitale pubblico.

Nel 2005 è stata quotata per la prima volta in borsa ad un prezzo di 33 Euro.

Nel 2010 ha registrato un fatturato di circa 65 miliardi con oltre 158.000 dipendenti e fa parte di uno dei più importanti programmi a livello mondiale per lo sviluppo del nucleare.