Nuovo progetto gasdotto Malta-Italia: al via le consultazioni

Sono state avviate le consultazioni pubbliche per la costruzione di un gasdotto tra Malta e Italia

Secondo quanto si apprende dal sito del ministero dello Sviluppo economico, sono state avviate le consultazioni pubbliche per realizzare un gasdotto che connette Malta al Bel Paese.  

Si tratta di un progetto promosso dal ministero maltese per l’Energia ed è anche stato registrato nell’elenco della Commissione europea per i Progetti di interesse comune (Pci).

L’investimento per la creazione del gasdotto si aggira sui 3.7 milioni di euro, che sono stati stanziati da fondi Cef.

Il progetto strategico di Malta servirà a collegare il Paese alla rete europea del gas. Non solo.

Con il gasdotto Malta guadagnerà una maggiore sicurezza per quanto riguarda l’ approvvigionamento e si completerà il programma dell’Unione Europea dell’energia per la diversificazione delle fonti e delle rotte.

Un gasdotto lungo 159 km

Dunque, il progetto prevede la costruzione di un gasdotto che sarà lungo 159 km e coprirà la distanza tra la città italiana di Gela e quella maltese di Delimara.

151 km  della struttura saranno costruiti offshore, 63 km dei quali saranno in acque italiane, a 160 metri sotto il livello del mare. 28 km saranno realizzati nelle acque tra il limite del territorio italiano e la linea mediana italo maltese.  

La stazione terminale per il collegamento del gasdotto alla rete Snam Rete Gas sarà costruita a Gela.

Tre incontri italiani per la presentazione del progetto

In Italia sono previsti tre incontri informativi per presentare il progetto e discutere dei dettagli.

Il primo è in programma oggi a Gela, a Palermo il 18 aprile e a Roma il 19 aprile. A Roma saranno presenti il Ministero dello Sviluppo economico – MISE e il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Quest’ultimo avrà la responsabilità di effettuare la perizia per l’impatto ambientale del progetto.

La consultazione pubblica terminerà il 20 maggio 2018.