Internet of Things in oil&gas, conferenza a giugno

Internet of Things nell’oil&gas

Una conferenza sul tema in programma il 29 e 30 giugno ad Aberdeen

L’Internet of Things permette agli oggetti di acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete, comunicando dati su su se stessi e accedendo ad informazioni aggregate da parte di altri. L’obiettivo dell’internet delle cose è far sì che il mondo elettronico tracci una mappa di quello reale, dando un’identità elettronica alle cose e ai luoghi dell’ambiente fisico. I campi di applicabilità sono molteplici: dalle applicazioni industriali (processi produttivi), alla logistica e all’infomobilità, fino all’efficienza energetica, all’assistenza remota e alla tutela ambientale.

Qual è l’impatto dell’Internet of Things nel settore del’oil&gas? A indagare il tema, di grande attualità, è una conferenza organizzata dall’Energy Conference Network i prossimi 29 e 30 giugno in Scozia, ad Aberdeen. Tra gli speaker attesi, ci sono rappresentanti di spicco delle major, come Einar Landre, Head of IT Drilling and Well Solutions di Statoil, Richard Taylor, Upstream Data and Information Management di Maersk Oil e Abhishek Goswami, Senior Geophysicist di Shell UK.

Internet of Things Expo Valve

L’Internet of Things, spiegano gli organizzatori sul sito della conferenza, comprende una serie di innovazioni tecnologiche che permettono alle aziende che le fanno proprie di far fronte all’attuale contrazione del mercato mantenendo o addirittura incrementando i livelli produttivi, e preservando al contempo i margini di guadagno. Una vera e propria rivoluzione per il settore, che ha visto molti dei suoi player fare investimenti significativi per mettere in connessione le proprie “cose”, ovvero persone, processi e asset. Ora è il momento per far fruttare questi investimenti creando nuovi livellli di efficienza e di risparmi di costi.

Un recente sondaggio condotto da Cisco ha rilevato che oltre due terzi degli executive del settore prevede che nei prossi 24 mesi avverrà un incremento degli investimenti aziendali nelle due aree della ricerca di efficienza nelle operation dei progetti esistenti e nella manutenzione degli asset e delle infrastrutture. Secondo il 50% degli intervistati nella propria azienda non c’è ancora sufficiente allineamento tra l’IT e l’Internet of Things, fatto che implica un’opportunità mancata per incrementare l’efficienza, ridurre i fermi produttivi, lavorare a costi minori e, in definitiva, realizzare profitto.

La conferenza mira ad indagare questo tema, fornendo risposte concrete e soluzioni applicative agli opeartori del settore.