C’è petrolio in provincia? Il permesso di ricerca “Cascina Alberto”

Il progetto Cascina Alberto

Il progetto per l’indagine geofisica Cascina Alberto, di cui Shell è titolare all’80% dal 13 maggio 2015 (il rimanente 20% è di Northern Petroleum UK), si estende su 4 provincie: Biella, Novara, Vercelli e Varese, per un’area totale pari a 462 km2.

Le tecniche non invasive (in 2D) per analizzare gli elementi della stratificazione rocciosa e identificare il tipo di roccia presente nel sottosuolo consiste nella registrazione di onde riflesse dalle formazioni geologiche che consentirà una precisa mappatura del sottosuolo. L’indagine durerà circa 4 mesi e partirà appena l’azienda sarà in possesso di tutte le autorizzazioni necessarie, in quanto il permesso è soggetto a delicate analisi relative ai possibili impatti ambientali.

Prima la campagna informativa

Tuttavia, prima di iniziare i lavori di indagine, il colosso petrolifero ha fatto partire una grossa campagna informativa nei territori con oltre 200 appuntamenti con istituzioni e cittadini. Gli incontri hanno come obiettivo l’ascolto e l’interazione con più interlocutori possibile per informare sul progetto di ricerca di idrocarburi di Shell nella zona.

Infatti, il sito ufficiale Shell riporta quanto segue: “Coinvolgimento e apertura al dialogo per comprendere appieno le specificità dei territori: sono queste le richieste che Istituzioni e comunità locali rivolgono alle aziende che intendono investire sul territorio italiano…

Coerentemente con il suo approccio di trasparenza, responsabilità e rispetto per i territori e le comunità locali Shell intende incontrare e parlare con quanti più interlocutori possibili nell’area con l’obiettivo primario di informare sul progetto e di ascoltare le comunità in merito ai bisogni e alle aspettative relative al progetto che l’azienda intende effettuare”.

Benché il progetto Cascina Alberto non preveda ancora trivelle, il tentativo di comunicazione con i territori è doveroso, anche in considerazione delle proteste passate per il pozzo esplorativo a Carpginano Sesia.

In Italia, Shell è presente dal 1912 con considerevoli attività nel settore dell’esplorazione e della produzione di idrocarburi. Ha anche in attivo delle partnership internazionali sia con Ferrari e Ducati Corse.