Si spengono le luci sulla Hazelwood Power Station in Australia

Dopo 50 anni Hazelwood chiude definitivamente i battenti

L’ultimo turno di lavoro finirà alle ore 7.00 del 1 Aprile, ovvero proprio in queste ore. Dopodiché, inizieranno le attività di smantellamento della centrale a carbone a 1,5 GW che durerà all’incirca tre anni.

La Hazelwood Power Station è una centrale elettrica a carbone costruita negli anni Sessanta situata nello stato di Victoria nel sud dell’Australia e produceva il 25% del totale di energia elettrica da oltre mezzo secolo per lo stesso Stato.

Engie, azienda francese proprietaria dell’impianto più inquinante del continente, ne aveva annunciato la chiusura nel novembre 2016, a causa di problemi economici. In effetti, i lavori per ammodernare Hazelwood sarebbero costati centinaia di milioni di euro. Un investimento insostenibile per l’impresa francese se messi a confronto con i reali profitti che ne sarebbero derivati.

Come si chiude una centrale elettrica a carbone?

In realtà il processo di shutdown era già iniziato con la chiusura di alcuni generatori arrivando allo stop definitivo dell’ultimo previsto proprio in queste ore.

Una volta fermo, l’impianto verrà ripulito, verranno rimossi i gas e fluidi industriali e verranno prelevati tutti i macchinari e materiali.

Quanti sono i lavoratori coinvolti?

Sono circa 750 le persone che lavoravano nella centrale e che ora rimarranno senza lavoro.

Quando Engie aveva annunciato la chiusura, il portavoce dell’azienda aveva inizialmente confermato che 250 operai avrebbero mantenuto il posto di lavoro per dedicarsi allo smantellamento del sito. Tuttavia, nel corso degli ultimi mesi, questo numero è destinato a calare a 100.

Tuttavia, il governo ha stanziato una somma pari a 20 milioni di dollari per la realizzazione di uno schema di pre-prensionamento da parte di lavoratori più anziani impiegati in altre centrali e per dare spazio agli operai più giovani provenienti da Hazelwood.

Comunque, resta il fatto che a livello ambientale la chiusura di Hazelwood rappresenta un vero e proprio traguardo per gli ambientalisti che ne chiedevano la chiusura da tempo. Si stima che durante tutto il periodo di attività, la centrale valeva il 3% dei gas serra dell’Australia.

In Australia attualmente sono attive altre 20 centrali. Negli ultimi anni ne sono state chiuse 9.