Tanap: completato il 96 percento dei lavori di costruzione del gasdotto

Quasi pronto il nuovo gasdotto che servirà da ponte energetico tra Europa e Medio Oriente

Il gasdotto trans-anatolico TANAP è un’infrastruttura che dall’Azerbaijan arriverà in Europa, attraversando la Georgia e la Turchia.

In particolare, iI progetto che vale 7.9 miliardi (quasi 3,8 miliardi di dollari in meno di quanto inizialmente previsto), prevede il trasporto di gas (che inizierà a breve) dal giacimento Shah Deniz ai confini occidentali della Turchia.

Dopo la conclusione dei lavori al TAP, il gas naturale sarà trasportato in Europa (a partire dal 2020).

Il gasdotto TANAP è lungo circa 1850 chilometri e avrà una capacità iniziale di 16 miliardi metri cubi di gas. Di questi, circa 6 milardi metri cubi sono destinati alla Turchia, mentre la parte rimanente sarà fornita in Europa. Attualmente sono circa 9200 le persone che lavorano al progetto.

Presto sarò dichiarata la fine dei lavori

Attualmente, gli azionisti TANAP sono il Southern Gas Corridor CJSC (58 percento), Botas (30 percento) e BP (12 percento).

Dunque, il 2018 sarà un anno decisivo per il gasdotto. Infatti, per quanto riguarda la tratta verso la Turchia, questa è ormai quasi completata. Invece, per quanto riguarda il collegamento con l’Europa, manca ancora il 26 percento alla fine dei lavori. 

Il progetto è importante anche perché ci sarà la possibilità di diversificare la fornitura per i vari paesi coinvolti.

Düzyol spiega gli sviluppi di TANAP

Saltuk Düzyol, general director di TANAP, ha dichiarato in un’intervista a Azertac: “Il 96% dei lavori per consentire il trasporto del gas azero in Turchia attraverso il Tanap è stato realizzato. Questo significa che la data di completamento del collegamento con Ankara entro la metà dell’anno dovrebbe essere rispettata. Per quanto riguarda il collegamento con l’Europa i lavori sono terminati per il 73% sul territorio turco e le previsioni sono per il completamento entro la fine del 2019.”