piattaforme offshore

Vietnam, avviate le trivellazioni esplorative offshore da Rosneft

Rosneft, la compagnia petrolifera statale russa, attraverso la sua controllata Rosneft Vietnam BV, ha avviato una serie di perforazioni trivellazioni esplorative offshore in Vietnam.

È la prima volta che Rosneft avvia individualmente un progetto di perforazioni in acque straniere. Il pozzo avrà una profondità di circa 1380 m, in un’area dove il fondale marino è di circa 162 m. Le riserve di gas attese nell’area dovrebbero ammontare a 12,6 miliardi di metri cubi e 0,6 milioni di tonnellate di condensato di gas naturale.

Dopo il completamento del progetto nel giacimento PLDD-1X – nel blocco 06.1 – Rosneft passera’ al pozzo situato nel blocco 05.3/11, sempre nel bacino di Nam Con Son.

Commentando l’avvio del progetto in un comunicato inviato dalla stessa compagnia, il numero uno di Rosneft Igor Sechin si e’ detto sicuro che “l’esperienza acquisita in Vietnam sarà usata dalla compagnia non solo nelle sue attivitànei mari meridionali; queste competenze troveranno applicazione nella pianificazione e attuazione di progetti upstream in aree remote”.

Al momento Rosneft è impegnata in progetti di produzione di gas e condensati e nell’esplorazione di due blocchi offshore in Vietnam.

La major russa possiede il 32,67% della pipeline Nam Con Son, che porta gas e condensati dal blocco offshore del bacino di Nam Con Son al complesso per la produzione energetica a riva. Nel 2015, il gas prodotto dal Blocco 06.1 ha coperto circa il 12% del fabbisogno energetico del Vietnam.